In Gospel davanti a Padre Pio – Città Del Vaticano S. Maria Bambina, 21/09/2018

In occasione dell’anniversario dell’indipendenza del Belize, il 7 Hills Gospel Choir si esibisce davanti all’urna contenente il cuore del Santo.

Tanta gente, diplomatici, religiosi e soprattutto. tanti poveri appositamente invitati dall’Ambasciata del Belize alla cerimonia celebrativa per l’indipendenza dello stato centramericano che ha visto la presenza nella chiesa dell’istituto di alcune reliquie di Padre Pio da Pietrelcina, tra cui il cuore. Durante la cerimonia i 7 Hills hanno intrattenuto gli ospiti presenti con alcuni canti commoventi per finire con un gioioso Oh happy day. Al termine della funzione tutti i poveri , giunti sul posto grazie al coordinamento della Comunità S. Egidio e Suore di Madre Teresa di Calcutta, sono stati invitati alla cena organizzata dall’Ambasciatore D’Angieri, servita dai diplomatici e personalità religiose.

MESSIAH il Musical di Tore W. Aas – Teatro Viganò Roma, 25/03/2018

Per la prima volta in Italia , MESSIAH è il nuovo Musical scritto dal musicista e compositore norvegese Tore W. Aas. La storia di Cristo raccontata dai personaggi che lo hanno vissuto. Un Musical in chiave moderna interpretato dal 7 Hills Gospel Choir

Vi presentiamo in nostro Evento per il 2018 !! MESSIAH il Musical !! Per la prima volta in Italia, interpreteremo questa nuova opera dell’amico musicista, compositore ed autore norvegese Tore Wilhelm Aas direttore degli Oslo Gospel Choir. Sarà un onore per noi, oltre che una fantastica avventura, che speriamo di condividere con tanti di voi ! Con il Patrocinio dell’Ambasciata di Norvegia. Sarà tutto rigorosamente dal vivo sotto la direzione del M° Gianluca Buratti !!! Vi aspettiamo numerosi il 22, 23 e 25 marzo, presso il Teatro Viganò, Piazza Antonio Fradeletto 17 (nuovo salario), ore 21. Biglietti per la “Prima” in vendita dalle ore 10.00 del 8 gennaio su
Eventbrite.it oppure contattateci ai contatti a fondo pagina.
N.B. il link sopra riportato è relativo alla Prima italiana del Messiah, per i biglietti del 23 e 25 potete fare riferimento ai seguenti link:
23 marzo 2018
25 marzo 2018

Approfondimento sulla pagina dedicata al musical Messiah

Christmas Tour 2017 tutte le date – Roma e Lazio, 08/12/2017

Ecco le date dei Concerti ed esibizioni del 7 Hills Gospel Choir durante il periodo di Natale 2017 ! Seguiteci

Inizia il 9 dicembre nella prestigiosa cornice del Teatro di Villa Torlonia il Tour Natalizio del 7 Hills Gospel Choir di Roma nell’ambito della Manifestazione organizzata dal Mibact “Musica e Stelle a Villa Torlonia” per proseguire poi mercoledì 13 dicembre nella sala del Conservatorio di Santa Cecilia in Via dei Greci in occasione del Concerto organizzato a sostegno delle iniziative della Fondazione Di Liegro. Dopo Natale i 7 Hills si sposteranno fuori città : il 26 a Torvaianica, il 29 a Magliano Romano, il 30 faranno gli Auguri al Parco San Galli ed a Villa Gordiani ed apriranno il nuovo anno a Sperlonga! Concluderanno il loro tour il giorno dell’Epifania (6 gennaio) alla Chiesa di S. Lucia a Circonvallazione Clodia. Non mancate !!

Thanksgiving Day – Hard Rock Cafè Roma – Via Veneto, 23/11/2017

Tornano i 7 Hills all’Hard Rock Cafè Roma per la sera del Thanksgiving day 2017

Dopo 2 anni il 7 Hills Gospel Choir torna al’Hard Rock Cafè Roma per il Thanksgiving day. Spiritual, moderni Gospel ed anche una sorpresa nel repertorio del coro gospel della Capitale. Inizio dell’esibizione verso le ore 19 e poi a seguire durante la cena, ovviamente a base di Tacchino! Vi aspettiamo numerosi per divertirci insieme!

Corosseum 2017 con… Wendell Simpkins – Roma, Pontificio Seminario Romano Maggiore, 12/05/2017

Anche quest’anno l’Associazione Culturale 7 Hills Gospel ha il piacere di presentare l’Edizione 2017 di Corosseum. A scuola di Gospel con…. la docenza di Wendell Simpkins

Nato ad Aiken (South Carolina), Wendell Simpkins ha iniziato a cantare all’età di 3 anni. Da adolescente è stato scelto per entrare a far parte degli studenti di talento del Programma Gioventù Artistica GETAWAY. Durante gli anni di scuola è stato protagonista di vari progetti musicali, promuovendo e dirigendo per ben 3 anni anche il coro gospel Voices Of Praise dell’Università del South Carolina di Aiken (USCA). Dopo essersi laureato in Musica e Belle Arti ha deciso di trasferirsi a New York per frequentare anche l’American Musical and Dramatic Academy (AMDA), dove ha conseguito una seconda laurea. A New York ha iniziato a lavorare come cantante solista esibendosi in diversi concerti, ma la sua carriera è veramente decollata quando è diventato uno dei vocalist dei famosissimi HARLEM GOSPEL CHOIR, con i quali ha condiviso anni di successi lavorando anche per Walt Disney World, Jessica Simpson, Stephanie Mills e l’italiana Irene Grandi. Nel 2011 è entrato a far parte dell’Anthony Morgan Inspirational Choir Of Harlem, portando avanti, nello stesso tempo, la sua carriera da solista.

“Voglio condividere il dono che Dio mi ha concesso con le persone, arrivando al loro cuore e nel profondo dell’anima. Questo è quello che desidero e che cerco di realizzare con la mia musica”.
Wendell Simpkins

Puoi trovare qui di seguito il programma del workshop (che potrà subire dei lievi cambiamenti in corso d’opera), e i moduli di iscrizione per coristi singoli e per gruppi.

Concerto al Pantheon – Roma, Piazza della Rotonda, 22/04/2017

Tornano i 7 Hills ad esibirsi al Pantheon il pomeriggio di sabato 22 aprile alle ore 15.30

Ad un anno dalla loro precedente esibizione, i 7 Hills Gospel Choir, tornano nella suggestiva cornice del Pantheon (Santa Maria ad Martyres) con un breve concerto. Gospel e spirituals in repertorio. appuntamento alle ore 15.30

Concerto S. Stefano – Rieti – Teatro Flavio Vespasiano , 26/12/2016

Una serata ideata da Massimo Massari a sostegno delle popolazioni del Centro Italia colpite dai Terremoti

Si è svolto nella spettacolare cornice del teatro Flavio Vespasiano di Rieti la prima edizione del Concerto S. Stefano, ideato e condotto da Massimo Massari e trasmesso in streaming dal sito del Comune di Rieti. Ospiti della serata, oltre al 7 Hills Gospel Choir, la cantautrice Mariella Nava e la Little Tony Family, oltre ad altri artisti provenienti dell’edizione 2016 del Cantagiro, tra cui Marina Muser.

Joy to My Soul Christmas Tour 2016 – Lazio ed Umbria, 11/12/2016

Ecco il Calendario del Tour Natalizio del 7 Hills Gospel Choir.

Diverse le tappe che porteranno fuori porta il 7 Hills Gospel Choir per questo Natale: Frosinone, Torvaianica, Narni, Avigliano e non finisce qui. Seguiteci anche su Facebook sulla nostra pagina 7 Hills Gospel Choir

Music for Freedom – Roma, Basilica di San Bartolomeo all’Isola , 12/11/2016

Concerto organizzato dalla Comunità di S. Egidio per il sostegno delle iniziative di solidarietà della Comunità

Si è svolto sabato 12 novembre alle 19.30 il Concerto voluto dalla Comunità di S. Egidio dal titolo “Music for Freedom”. L’iniziativa di fundraising a sostegno delle attività solidali della Comunità è stata un vero successo sia in termini di pubblico che in termini di raccolta. Oltre 350 persone hanno assistito al Concerto dei 7 Hills Gospel Choir che hanno eseguito brani di grande intensità a partire dall’Hallelujah, omaggio iniziale a Leonard Cohen, scomparso il venerdì precedente. Molti i brani di nuovo repertorio proposti, eseguiti anche da alcuni nuovi coristi, inseriti in formazione a metà concerto!

Concerto: Il Sangue non ha colore Auditorium – SMIH – Clinica Salvator Mundi – Roma, 14/06/2016

World Blood Donor Day

COMUNICATO STAMPA

Il 14 Giugno sarà la Giornata Mondiale del Donatore di Sangue

In occasione della Giornata Mondiale del Donatore di Sangue, martedì 14 Giugno p.v., alle ore 19:30, si terrà a Roma, presso l’Auditorium SMIH sito in Viale delle Mura Gianicolensi 67, il concerto di musica gospel e spirituals “Il sangue non ha colore” organizzato dalla Salvator Mundi International Hospital, dal 7 Hills Gospel Choir e dallo Studio Scopelliti-Ugolini, per ringraziare i molti volontari che periodicamente, in forma anonima e gratuita, con il loro gesto garantiscono l’autosufficienza a livello nazionale.

La manifestazione, patrocinata dalla Feder Gospel Choirs, dall’Avis Regionale Lazio, dall’Avis Provinciale di Roma e dall’Avis Comunale Roma, con la partecipazione dell’ADMO Regione Lazio (Associazione Donatori Midollo Osseo) e dell’AIDO – Consiglio Regionale Lazio (Associazione Italiana Donatori Organi) viene organizzata il 14 Giugno, giorno di nascita, nel lontano 1868, dello scopritore dei gruppi sanguigni Karl Landsteiner, a cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nel 2004 ha dedicato, appunto, la ricorrenza.

Il progetto “Il sangue non ha colore”, portato avanti con grande impegno dall’Avis, ha come obiettivo quello di promuovere la cultura della donazione presso le comunità immigrate del territorio romano, attraverso un lavoro di informazione e sensibilizzazione che aiuti a superare barriere informative ed eventuali pregiudizi culturali.

Ingresso libero fino a esaurimento posti

In Gospel a Pietralata – Roma, Chiesa San Vincenzo Pallotti (Pietralata), 05/06/2016

Gospel a Pietralata, gospel a Pietralata, gospel a Pietralata….continuano a ronzarmi in testa queste parole che a me, vecchia ragazza degli anni ’70, suonano come uno strano connubio. Perché strano? Perché Pietralata, come prima cosa, fa pensare a un maestro di frontiera (il maestro dell’omonimo film), e ai racconti di Pasolini…e a cosa altro? Cerco su google (dove, sennò ?) per trovare parole che rievochino più ricordi, che siano memoria. Trovo storia, una storia antica fatta di tenute romane e famiglie nobiliari. Trovo conferme: si, il quartiere è stato costruito per dare casa agli sfrattati degli sventramenti del ventennio. Si, ne ha parlato, e tanto, Pasolini. C’è stato un eccidio nazista, e la resistenza. Per l’autore di Wikipedia, la cultura girava intorno alle sezioni del PCI, e alla Chiesa. Era il quartiere dell’Onorevole Angelina…e questo (infine!) fa sorgere in me memorie più vicine, di anni vissuti: gli anni delle occupazioni delle case, dei baraccati. A questo pensa la mia mente, a questo popolo; queste persone, o i loro figli, o i loro nipoti, spero di incontrare, mentre esco di casa per raggiungere Pietralata. Il viaggio mi catapulta nella contemporaneità, con tutti i suoi cambiamenti e tutte le contraddizioni. Alla fermata su Via Nomentana mi fermo a guardare i vestiti in vendita sulla bancarella, presidiata da un cortesissimo ragazzo…del Bangladesh? Pakistano? Magrebbino? Chissà…. La strada che percorre il 215, Via di Pietralata, è una strada sospesa tra passato e presente, stretta, tortuosa, verdeggiante….uno di quei residui di strade dell’agro romano che mai penseresti di ritrovare tra il traffico di Via Nomentana e quello di Via Tiburtina….e mentre osservo, distratta, il susseguirsi di capannoni industriali, case di cura, officine, ristoranti all’aperto “tutto alla brace”, più moderne hamburgherie, avveniristici centri fitness, intravedo addirittura una casa cantoniera denominata “dell’agro romano”. Sogno o realtà? E’ una strada ferita, accoltellata più e più volte, che preannuncia un quartiere che a me sembra senza una forma, un connotato, una fisionomia precisa. Non vedo più le vecchie case popolari (che fine avranno fatto?), ma costruzioni più recenti, e poi quelle nuovissime, di pregio, vicino alla metro B. Che Pietralata è? La vera Pietralata, qual è? Ma, già, la tenuta era vasta, anche le strade hanno tanti nomi diversi: Via di Pietralata, Via delle Cave di Pietralata, Via dei Monti di Pietralata….in nomen omen? Ecco la Chiesa dove canteremo. Il parroco (manco a dirlo) scoprirò essere polacco. Tra i fedeli, diversi sud-americani. Fuori, all’uscita, una famiglia Rom. Cosa sanno, del quartiere che li ospita? Di questa Roma di periferia, cresciuta così in fretta e disordinatamente….Il più piccolo tra il pubblico, un bel bambino sudamericano, corre felice ad acchiappare la palla che gli sfugge, incurante, pare, della pioggia di note che gli cade addosso…è lui, il futuro di Pietralata? Guardo le facce, sorridenti, felici, entusiaste, del pubblico. Irresistibile, la voglia di chiedergli “chi siete? Forse gli alunni di quel maestro? O i nipoti degli sfrattati? E vi ricordate? Vi ricordate……”? Ma non c’è tempo, non c’è spazio. Ora è presente l’allegria, ora è il momento di questa musica venuta da lontano, che ha viaggiato nel tempo e nello spazio anch’essa, per ricreare, ovunque, con chiunque, il rito antico che, per un momento breve, accomuna e trasporta nell’altrove. Siamo anche noi messaggeri inconsapevoli del perpetuo mutare delle forme..e anche noi lasceremo una traccia qui….a Pietralata.

PRISCILLA